3 consigli per rendere accessibile il tuo sito web

Perché è importante l’accessibilità

Immagina di essere il titolare di un’attività, per esempio di un calzaturificio, e che un mattino bussino alla tua porta due calzolai per proporti delle loro creazioni.
Il primo presenta una scarpa comoda, casual, adatta a clienti di ogni genere e ogni età.
Il secondo propone un modello molto elegante, ottimo per le grandi serate, una scarpa pensata per una donna tra i 18 e i 22 anni e con una corretta postura.
Chi accoglieresti in ufficio per approfondire l’argomento?

Disporre di un sito web accessibile, un luogo virtuale privo di barriere al quale chiunque possa accedere, non è poi così diverso.schema sito accessibile
Come non ti sogneresti mai di investire tempo e risorse per un prodotto rivolto a un ristretto target di pubblico, così non metteresti su un sito che respinga o selezioni all’ingresso i visitatori, non avrebbe senso!
Ecco dunque un primo motivo per ripensare il tuo sito web tenendo conto dei criteri di accessibilità: è conveniente. Che sia un e-commerce, un sito vetrina o un blog, perché sprecare tempo e fatica per un progetto che non comparirà mai nella prima pagina delle ricerche di Google? (Sorpresa: sai cosa piace agli spider di Google? L’accessibilità!)

 

Non solo il danaro

Ma c’è dell’altro. Le barriere architettoniche informatiche minano alla base il principio fondamentale della rete, ovvero la possibilità di accesso universale.
Ciò significa che, quando programmiamo, dobbiamo pensare anche che qualcuno potrebbe usare un browser obsoleto, qualcun altro potrebbe avere una disabilità che gli comporta difficoltà visive o di altro genere, un altro ancora non disporre di una linea stabile e potente come la nostra.
In sintesi, alla convenienza dobbiamo aggiungere un altro e forse più nobile criterio per scegliere la via dell’accessibilità: perché è giusto.
A questo scopo, ecco 3 consigli e una regola d’oro per rendere il tuo sito accessibile, usabile e in grado di posizionarsi al meglio sui motori di ricerca.
I 3 consigli sono relativi a:

  1. i testi, che devono essere brevi e significativi;
  2. il design, ordinato ed elegante;
  3. alcuni piccoli accorgimenti tecnici per il codice.

Ma prima…

 

Regola d’oro: l’utente è tutto

Progettare un sito user-centered non è un’opzione, ma una necessità.
Con la Legge Stanca il tema dell’accessibilità si è imposto anche nel nostro ordinamento, riconoscendo e tutelando «il diritto di ogni persona ad accedere a tutte le fonti di informazione e ai relativi servizi, ivi compresi quelli che si articolano attraverso gli strumenti informatici e telematici» (L. 4/2004, art. 1).
Dovremo pertanto domandarci:

  • Il nostro testo è leggibile?
  • L’utente avrà difficoltà a visualizzare/caricare la pagina?
  • I miei contenuti possono davvero interessarlo?

 

AgID e l’accessibilità dei servizi pubblici

Accetta i cookie di YouTube cookies per vedere questo video.

YouTube privacy policy

 

1. Less is more

Sapevi che il tempo di attenzione su un sito web di un utente medio è di circa 9 secondi (più o meno come un pesce rosso)?
In 9 secondi devi saper attrarre l’attenzione del lettore, stimolarlo, coinvolgerlo, dargli l’impressione che quel contenuto sia stato scritto appositamente per lui.
Dunque:

  • sii breve, va’ dritto al punto;
  • torna spesso a capo, l’occhio si rilassa e la lettura è più piacevole;
  • sfrutta le keywords, così Google saprà come trovarti;
  • evidenzia i termini importanti col corsivo o col grassetto;
  • stabilisci una gerarchia tra titoli, sottotitoli e testo, e rispettala;
  • usa gli elenchi, il web li adora.

 

2. Occhio al design

Saper bilanciare testo e immagini è fondamentale per restituire una buona esperienza di lettura. Altrettanto lo è la scelta dei colori, strutturare bene la pagina, lasciare degli spazi vuoti.
Sei un blogger o un rivenditore di calzature? In entrambi i casi devi valorizzare i tuoi contenuti o i tuoi prodotti inserendoli nella giusta cornice. Stai allestendo una vetrina, e ciò che esponi risalterà se quanto gli sta intorno saprà valorizzarlo. ragazzo in carrozina davanti computer vede sito accessibile 2
Sei un designer? È il tuo lavoro, abituati…
Vediamo cosa può esserci utile:

    • nel menu, evidenza sempre la pagina del sito in cui l’utente si trova (Pollicino ha bisogno del breadcrumb);
    • non cedere all’horror vacui se ci sono spazi vuoti nella pagina, servono eccome;
    • usa colori adatti al tuo scopo: alcuni eccitano, altri deprimono ;
    • non usare mai più di 3-4 colori;
    • valuta bene la contiguità o il contrasto tra i colori; puoi usare colori contigui nel corpo centrale della pagina per accompagnare la lettura, o contrastanti per identificare ciò che è cliccabile, per le call to action;

 

  • non usare più di 2-3 font diversi (personalmente ne uso solo uno, al massimo alterno i pesi), e bada che siano senza grazie (sans-serif), agevolerà la lettura;
  • inserisci immagini non troppo pesanti (altrimenti il caricamento sarà lento) e coerenti con i contenuti (questa ti sembra una foto adeguata per i contenuti di questo articolo?);
  • evita banner, pop-up e animazioni “aggressive”.

 

3. Accorgimenti tecnici per il codice

  • Crea un sito web responsive inserendo i meta tag necessari nella sezione <head>;
  • ricorda di resettare i CSS in modo che il tuo codice sia letto allo stesso modo da tutti i browser;
  • modifica l’attributo “lang”: di default è settato per l’inglese, sostituiscilo con “it”;
  • inserisci una descrizione delle immagini attraverso l’attributo “alt”: in questo modo, anche qualora la pagina impiegasse tempo a caricare, l’utente saprà cosa occupa quello spazio vuoto;
  • inserisci il “title” per i link: l’utente deve sapere cosa sta cliccando;
  • sii coerente e ordinato nella composizione del testo: sfrutta h1, h2 e h3 per strutturare la pagina a partire dai contenuti;
  • quando componi un form di contatto, ricorda di usare il tag <label> per associare un’etichetta al campo da compilare.

 

Per concludere… e ripartire

Spero che questo articolo ti sia stato utile, o perlomeno di ispirazione, per comprendere l’importanza del tema accessibilità.
L’argomento non si esaurisce certo qui, ci sarebbe ancora tanto da dire, approfondiremo l’argomento.
Voglio lasciarti con un piccolo dono, il link alla traduzione italiana delle Linee Guida WCAG sull’accessibilità.
Grazie mille per la tua attenzione. Se avessi domande da sottopormi compila il form, sarò lieto di soddisfare ogni tua curiosità.

&nbsp;

ACCESSIBILITACONSIGLI SITO WEB ACCESSIBILE
Vai a Search